• notiZie preliMinari


  •   
  • FileName: 81.pdf [read-online]
    • Abstract: notiZie preliMinariutile per azioneL’utile base per azione è calcolato dividendo il risultato economico del Gruppo per la mediaponderata delle azioni in circolazione durante l’esercizio. Ai fini del calcolo dell’utile diluito

Download the ebook

notiZie preliMinari
utile per azione
L’utile base per azione è calcolato dividendo il risultato economico del Gruppo per la media
ponderata delle azioni in circolazione durante l’esercizio. Ai fini del calcolo dell’utile diluito
per azione, la media ponderata delle azioni in circolazione è modificata assumendo la conver-
sione di tutte le azioni aventi potenziale effetto diluitivo.
INfORmatIva DI sEttORE
Il settore d’attività (segmento primario) è una parte del Gruppo distintamente identificabile
relaZione degli aMMinistratori
che fornisce un singolo prodotto o servizio o un insieme di prodotti e servizi collegati, ed è sog-
getta a rischi e a benefici diversi da quelli degli altri settori d’attività del Gruppo.
Il settore geografico (segmento secondario) è una parte del Gruppo distintamente identificabile
che fornisce un singolo prodotto o servizio o un insieme di prodotti e servizi, ed è soggetta a rischi
e a benefici diversi da quelli relativi a componenti che operano in altri ambienti economici.
4. Politica di gestione dei rischi finanziari
La gestione dei rischi finanziari è parte integrante della gestione delle attività del Gruppo.
bilancio di sostenibilità
Essa è svolta centralmente sulla base di linee guida definite dalla Direzione Generale. Tali
linee guida definiscono le categorie di rischio e per ciascun tipo di transazione e/o strumento
ne specificano modalità e limiti operativi. Secondo tali direttive, il Gruppo utilizza contratti
derivati in relazione a sottostanti attività o passività finanziarie o a future transazioni. La ge-
stione dei rischi finanziari è centralizzata presso le Tesorerie dei Settori, che hanno il compito
di valutare i rischi ed effettuare le relative coperture, sotto il coordinamento della Tesoreria di
Gruppo. Le Tesorerie dei Settori agiscono direttamente sul mercato per conto delle Unità Ope-
rative e, laddove non possano operare direttamente per vincoli esterni, coordinano l’attività
delle Unità di Tesoreria Locali.
bilancio consolidato
tIPOLOGIa DI RIschI fINaNzIaRI
Rischio di cambio transattivo
Il Gruppo è attivo a livello internazionale ed è esposto al rischio di cambio transattivo. Tale
rischio è gestito dalle Tesorerie dei Settori e coordinato dalla Tesoreria di Gruppo.
Le Unità Operative sono responsabili della raccolta di tutte le informazioni inerenti le posizio-
ni soggette a rischio cambio transattivo, per la gestione del quale stipulano contratti a termine
con le Tesorerie dei Settori. Le posizioni soggette a rischio di cambio transattivo sono sostan-
zialmente rappresentate da fatture attive e passive.Le Tesorerie dei Settori sono responsabili
bilancio capogruppo
di valutare e gestire la posizione netta per ogni valuta, in accordo con le linee guida e i vincoli
prefissati, mediante la negoziazione sul mercato di contratti derivati di copertura, tipicamente
contratti a termine.
Pertanto, una variazione dei tassi di cambio non produce effetti significativi sul conto econo-
mico.
I contratti a termine in essere tra le Unità Operative e le Tesorerie dei Settori, così come quelli
tra le Tesorerie dei Settori e il mercato, non sono contabilizzati come strumenti di copertura ai
sensi dello IAS 39, sebbene siano posti in essere allo scopo di gestire i rischi.
parte straordinaria
340 PIRELLI & C. S.p.A. MILANO
Rischio di cambio traslativo
Il Gruppo detiene partecipazioni di controllo in società che redigono il bilancio in valute di-
verse dall’euro, che è la valuta di riferimento per il Gruppo. Ciò espone il Gruppo al rischio di
cambio traslativo, in quanto fluttuazioni nei tassi di cambio di alcune valute rispetto alla va-
luta di consolidamento (euro) possono comportare variazioni nel valore del patrimonio netto
consolidato.
Le principali esposizioni al rischio di cambio traslativo sono monitorate, ma non è politica del
Gruppo coprirsi a fronte di tale esposizione.
Il patrimonio netto totale consolidato al 31 dicembre 2008 è espresso per circa il 61% da euro
(73% circa al 31 dicembre 2007). Le valute diverse dall’euro più significative per il Gruppo
sono il Real brasiliano (14%; 11% al 31 dicembre 2007) e la Lira turca (8%; 6% al 31 dicembre
2007).
Si riportano di seguito gli effetti sul patrimonio netto consolidato totale derivanti da un ipo-
tetico apprezzamento/deprezzamento delle suddette valute rispetto all’euro – a parità di altre
condizioni:
(in migliaia di Euro)
Apprezzamento del 10% deprezzamento del 10%
31/12/2008 31/12/2007 31/12/2008 31/12/2007
Real brasiliano 36.633 45.744 (29.973) (37.427)
Lira turca 20.578 27.333 (16.836) (22.364)
totale su patrimonio netto consolidato 57.211 73.077 (46.809) (59.791)
Rischio di tasso di interesse
La politica di Gruppo è quella di tendere al mantenimento di un corretto rapporto tra indebi-
tamento a tasso fisso e variabile: l’obiettivo è che i debiti a tasso fisso siano pari a circa il 60%
del totale dei debiti finanziari.
Il Gruppo gestisce il rischio di incremento dei tassi associato all’indebitamento a tasso va-
riabile mediante compensazione con crediti a tasso variabile e mediante il ricorso a contratti
derivati. La designazione di tali derivati come strumenti di copertura ai fini dello IAS 39 viene
decisa caso per caso e autorizzata dalla Direzione Generale.
Si evidenziano di seguito gli effetti sul risultato netto e quelli direttamente sul patrimonio net-
to totale derivanti da una variazione in aumento o diminuzione di 0,50% nel livello dei tassi di
interesse di tutte le valute a cui è esposto il Gruppo – a parità di altre condizioni:
(in migliaia di Euro)
+0,50% -0,50%
31/12/2008 31/12/2007 31/12/2008 31/12/2007
Impatto sul risultato netto:
- società consolidate integralmente (3.850) 39 2.634 1.276
- società valutate con il metodo del patr. netto (1.484) 7.052 3.045 670
totale sul risultato netto (5.334) 7.091 5.679 1.946
Impatto diretto sul patrimonio netto:
- società consolidate integralmente 1.195 836 (1.970) (838)
- società valutate con il metodo del patr. netto 8.472 8.924 (8.749) (9.169)
totale diretto sul patrimonio netto 9.667 9.760 (10.719) (10.007)
RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31/12/2008 341
notiZie preliMinari
L’impatto sul risultato netto include l’effetto su:
— oneri e proventi finanziari dei debiti e crediti a tasso variabile;
— oneri e proventi liquidati degli strumenti derivati in tassi;
— variazione di fair value degli strumenti derivati in tassi.
L’impatto diretto sul patrimonio netto è legato alla variazione di fair value dei derivati in cash
flow hedge.
Rischio di prezzo associato ad attività finanziarie
relaZione degli aMMinistratori
Il Gruppo è esposto al rischio di prezzo limitatamente alla volatilità di attività finanziarie quali
titoli azionari e obbligazionari quotati e non quotati, fondi immobiliari quotati e fondi immobi-
liari chiusi non quotati per un valore pari a circa il 9% del totale delle attività consolidate al 31
dicembre 2008 (12% al 31 dicembre 2007); la variazione di fair value di tali attività finanziarie
viene rilevata a patrimonio netto o a conto economico in base alle disposizioni dello IAS 39.
I titoli azionari e i fondi immobiliari quotati, la cui variazione di fair value è rilevata nel patri-
monio netto, rappresentano il 59% del totale delle attività finanziarie soggette a rischio prezzo
(77% al 31 dicembre 2007); una variazione dell’1% dei sopracitati titoli quotati, a parità di altre
condizioni, comporterebbe una variazione di Euro 3.641 migliaia (Euro 8.233 migliaia al 31 di-
cembre 2007) del patrimonio netto del Gruppo.
Le attività finanziarie la cui variazione di fair value è rilevata a conto economico si riferisco-
no a fondi immobiliari chiusi non quotati, per la valutazione a fair value si fa riferimento ad
bilancio di sostenibilità
un paniere di titoli quotati similari; una variazione nell’indice di riferimento relativo ai fondi
immobiliari chiusi quotati dell’1%, a parità di altre condizioni, comporterebbe un impatto sul
risultato netto pari ad Euro 296 migliaia (Euro 319 migliaia al 31 dicembre 2007).
Rischio di credito
Il rischio di credito rappresenta l’esposizione del Gruppo a potenziali perdite derivanti dal
mancato adempimento delle obbligazioni assunte dalle controparti sia commerciali che finan-
ziarie.
Il Gruppo non mostra significative concentrazioni del rischio di credito.
bilancio consolidato
Al fine di limitare tale rischio, per quanto riguarda le controparti commerciali, il Gruppo ha
posto in essere procedure per la valutazione della potenzialità e della solidità finanziaria della
clientela, per il monitoraggio dei flussi di incassi attesi e per le eventuali azioni di recupero.
Tali procedure hanno come obiettivo la definizione di limiti di fido per la clientela, al supera-
mento dei quali si attua di norma il blocco delle forniture.
In alcuni casi viene richiesto alla clientela il rilascio di garanzie; si tratta principalmente di
garanzie bancarie, emesse da soggetti di primario standing creditizio, o personali. Meno fre-
quente la richiesta di garanzie ipotecarie.
Un altro strumento utilizzato per la gestione del rischio di credito commerciale è la stipula di
polizze assicurative con l’obiettivo di prevenire il rischio di mancato pagamento attraverso una
puntuale selezione del portafoglio clienti operata congiuntamente con la compagnia assicura-
bilancio capogruppo
tiva, che si impegna a garantire l’indennizzo in caso di insolvenza.
Per quanto riguarda le controparti finanziarie per la gestione di risorse temporaneamente in
eccesso o per la negoziazione di strumenti derivati, il Gruppo ricorre solo a interlocutori di
elevato standing creditizio.
I crediti per finanziamento soci sono sottoposti a valutazione congiuntamente alle quote di
capitale investite nella partecipata, mediante l’analisi dei flussi finanziari generati dai relativi
progetti immobiliari sottostanti.
Il valore contabile dei titoli junior e dei crediti non performing viene adeguato ogniqualvolta
vi sia una modifica nella stima dei flussi di cassa scontati attesi e, in caso di impairment, viene
ridotto attraverso l’iscrizione di un apposito fondo. In alcuni casi viene richiesto alla clientela
il rilascio di garanzie; si tratta principalmente di garanzie bancarie, emesse da soggetti di pri-
parte straordinaria
mario standing creditizio, personali o ipotecarie.
Le perdite di valore dei crediti sono calcolate sulla base del rischio di inadempienza della con-
342 PIRELLI & C. S.p.A. MILANO
troparte, determinato considerando le informazioni disponibili sulla solvibilità della contro-
parte e i dati storici. Il valore contabile dei crediti è ridotto indirettamente mediante iscrizione
di un fondo.
Le singole posizioni significative, per le quali si rileva un’oggettiva condizione di inesigibilità
parziale o totale, sono oggetto di svalutazione individuale. L’ammontare della svalutazione tie-
ne conto di una stima dei flussi futuri recuperabili e della relativa data di incasso, degli oneri e
spese di recupero e dell’eventuale fair value delle garanzie.
Le posizioni che non sono oggetto di svalutazione individuale sono incluse in gruppi con carat-
teristiche simili dal punto di vista del rischio di credito, e svalutate su base collettiva in base a
percentuali crescenti al crescere della fascia temporale di scaduto. La procedura di svalutazio-
ne collettiva si applica anche ai crediti a scadere.
Le percentuali di svalutazione sono determinate tenuto conto dell’esperienza storica e di dati
statistici.
Rischio di liquidità
Il rischio di liquidità rappresenta il rischio che le risorse finanziarie disponibili non siano suf-
ficienti a far fronte alle obbligazioni finanziarie e commerciali nei termini e nelle scadenze
prestabiliti. I principali strumenti utilizzati dal Gruppo per la gestione del rischio di liquidità
sono costituiti da piani finanziari triennali e annuali e da piani di tesoreria, per consentire
una completa e corretta rilevazione e misurazione dei flussi monetari in entrata e in uscita. Gli
scostamenti tra i piani e i dati consuntivi sono oggetto di costante analisi.
Una gestione prudente del rischio di liquidità implica il mantenimento di un adeguato livello
di disponibilità liquide e/o titoli a breve termine facilmente smobilizzabili, la disponibilità di
fondi ottenibili tramite un adeguato ammontare di linee di credito committed e/o la capacità di
chiudere posizioni aperte sul mercato. Per la natura dinamica dei business in cui opera, il Grup-
po privilegia la flessibilità nel reperire fondi mediante il ricorso a linee di credito committed.
Al fine di ottimizzare la gestione delle risorse finanziarie e quindi limitare il rischio di liquidi-
tà, il Gruppo ha implementato un sistema centralizzato di gestione dei flussi di incasso e paga-
mento nel rispetto delle varie normative valutarie e fiscali locali. La negoziazione e la gestione
dei rapporti bancari avviene centralmente, al fine di assicurare la copertura delle esigenze
finanziarie di breve e medio periodo al minor costo possibile. Anche la raccolta di risorse a me-
dio/lungo termine sul mercato dei capitali è ottimizzata mediante una gestione centralizzata.
Al 31 dicembre 2008 il Gruppo dispone, oltre alla liquidità e a titoli detenuti per la negoziazione
pari ad Euro 369.705 migliaia, di linee di credito committed non utilizzate pari ad Euro 785.000
migliaia (Euro 2.672.000 migliaia al 31 dicembre 2007), la cui scadenza è la seguente:
(in migliaia di Euro)
2010 10.000
2011 136.000
2012 639.000
785.000
Le scadenze delle passività finanziarie al 31 dicembre 2008 sono così sintetizzabili:
(in migliaia di Euro)
entro 1 anno tra 1 e 2 anni tra 2 e 5 anni oltre 5 anni totale
Debiti commerciali 1.108.573 - - - 1.108.573
Altri debiti 482.401 29.706 15.006 3.760 530.873
Strumenti finanziari derivati 110.473 2.139 - - 112.612
Debiti verso banche e altri finanziatori 695.561 312.427 1.057.320 6.000 2.071.308
2.397.008 344.272 1.072.326 9.760 3.823.366
RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31/12/2008 343
notiZie preliMinari
Le scadenze delle passività finanziarie al 31 dicembre 2007 erano così sintetizzabili:
(in migliaia di Euro)
entro 1 anno tra 1 e 2 anni tra 2 e 5 anni oltre 5 anni totale
Debiti commerciali 1.323.588 - - - 1.323.588
Altri debiti 1.394.673 2.058 17.504 3.738 1.417.973
Strumenti finanziari derivati 72.513 262 6.520 - 79.295
Debiti verso banche e altri finanziatori 754.661 289.526 465.488 150.282 1.659.957
3.545.435 291.846 489.512 154.020 4.480.813
relaZione degli aMMinistratori
Informazioni integrative: categorie di attività e passività finanziarie
Nella tabella che segue sono riportati i valori contabili per ogni classe di attività e passività
finanziaria identificata dallo IAS 39:
(in migliaia di Euro)
nota Valore contabile Valore contabile
al 31/12/2008 al 31/12/2007
AttiVità FinAnziArie
bilancio di sostenibilità
Attività finanziarie a fair value rilevato a conto economico
- designate al momento della rilevazione iniziale
Altre attività finanziarie non correnti 11 29.599 31.910
- detenute per la negoziazione
Titoli detenuti per la negoziazione 17 115.800 114.039
Strumenti finanziari derivati non correnti 27 3.161 3.849
Strumenti finanziari derivati correnti 27 92.108 56.116
Finanziamenti e crediti
Altri crediti non correnti 14 723.004 672.894
Crediti commerciali correnti 13 787.951 1.098.927
bilancio consolidato
Altri crediti correnti 14 239.956 241.475
Disponibilità liquide 18 253.905 2.057.682
Attività finanziarie disponibili per la vendita
Altre attività finanziarie non correnti 11 476.300 926.362
Strumenti finanziari di copertura
Strumenti finanziari derivati correnti 27 1.934 2.210
totale attività finanziarie 2.723.718 5.205.464
PASSiVità FinAnziArie
Passività finanziarie a fair value rilevato a conto economico
- detenute per la negoziazione
Strumenti finanziari derivati non correnti 27 2.139 6.782
bilancio capogruppo
Strumenti finanziari derivati correnti 27 105.217 72.513
Passività finanziarie valutate al costo ammortizzato
Debiti verso banche e altri finanziatori non correnti 24 1.375.747 905.296
Altri debiti non correnti 26 48.472 23.300
Debiti verso banche e altri finanziatori correnti 24 695.561 754.661
Debiti commerciali correnti 25 1.108.573 1.323.588
Altri debiti correnti 26 482.401 1.394.673
Strumenti finanziari di copertura
Strumenti finanziari derivati correnti 27 5.256 -
totale passività finanziarie 3.823.366 4.480.813
parte straordinaria
344 PIRELLI & C. S.p.A. MILANO
5. Politica di gestione del capitale
Obiettivo del Gruppo è la massimizzazione del ritorno sul capitale netto investito mantenendo
la capacità di operare nel tempo, garantendo adeguati ritorni per gli azionisti e benefici per gli
altri stakeholder, con una struttura finanziaria sostenibile.
Al fine di raggiungere questi obiettivi, il Gruppo, oltre al perseguimento di risultati economici
soddisfacenti e alla generazione di flussi di cassa, può intervenire sulla politica dei dividendi e
sulla configurazione del capitale della Società.
I principali indicatori che il Gruppo utilizza per la gestione del capitale sono:
1) Rapporto tra risultato operativo, comprensivo del risultato da partecipazioni, e capitale net-
to investito medio: l’indicatore rappresenta la capacità dei risultati aziendali di remunerare
il capitale netto investito inteso come somma di attività fisse e di capitale circolante netto.
Il risultato da partecipazioni è ricompreso nel calcolo in quanto principale grandezza rap-
presentativa delle performance del Settore Real Estate. L’obiettivo del Gruppo è che tale
rapporto sia maggiore del costo medio del capitale (WACC);
2) Gearing: è calcolato come rapporto tra posizione finanziaria netta e patrimonio netto. È un
indicatore della sostenibilità del rapporto tra indebitamento e capitale proprio, che tiene
conto nei diversi momenti della situazione di mercato e dell’andamento del costo del capitale
e del debito;
3) R.O.E (Return on equity): è calcolato come rapporto tra risultato netto e patrimonio netto
contabile medio. È un indicatore rappresentativo della capacità del Gruppo di remunerare
gli azionisti. L’obiettivo è che l’indicatore assuma un valore superiore al tasso di rendimento
di un investimento risk free, correlato alla natura dei business gestiti.
Si riportano di seguito i valori per gli anni 2008, 2007 e 2006:
2008 2007 2006
1 Rapporto tra risultato operativo, comprensivo del risultato da partecipazioni, e capitale netto investito medio (7,89%) 8,92% 15,93%
2 Gearing 0,43 n/a * 0,42
3 R.O.E. (Return on Equity) (13,35%) 7,61% (20,37%)
* Non applicabile in quanto la posizione finanziaria netta è attiva
6. Stime e assunzioni
La preparazione del bilancio consolidato comporta per il management la necessità di effettuare
stime e assunzioni che, in talune circostanze, poggiano su difficili e soggettive valutazioni e sti-
me basate sull’esperienza storica, e assunzioni che vengono, di volta in volta, considerate ragio-
nevoli e realistiche in funzione delle circostanze. I risultati che si consuntiveranno potrebbero
pertanto differire da tali stime. Le stime e le assunzioni sono riviste periodicamente e gli effetti
di ogni variazione ad esse apportate sono riflesse a conto economico nel periodo in cui avviene
la revisione di stima se la revisione stessa ha effetti solo su tale periodo, o anche nei periodi
successivi se la revisione ha effetti sia sull’esercizio corrente, sia su quelli futuri.
In questo contesto si segnala che la situazione causata dall’attuale crisi economica e finanzia-
ria ha comportato la necessità di effettuare assunzioni riguardanti l’andamento futuro carat-
terizzate da significativa incertezza, per cui non si può escludere il concretizzarsi, nel prossimo
esercizio, di risultati diversi da quanto stimato e che quindi potrebbero richiedere rettifiche,
ad oggi ovviamente né stimabili né prevedibili, anche significative, al valore contabile delle
RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31/12/2008 345


Use: 0.6686